[RECENSIONE] Dollhouse, la Casa delle Bambole.

14808011_1851208248442239_2051822137_o-1

Dollhouse è una serie televisiva statunitense ideata da Joss Whedon (autore di Buffy l’ammazzavampiri ed Angel), composta da due stagioni andate in onda in America fra il 2009 e il 2010.

Questa serie di genere fantascientifico segue le vicende della “Dollhouse”, fantomatica attività segreta che si preoccupa di fornire persone per gli “usi” più disparati all’élite di Los Angeles.
La peculiarità della Dollhouse è quella di impiantare nella testa dei suoi “attivi” o “doll” (le persone che lavorano per l’azienda) la personalità richiesta dal cliente. Le doll utilizzate sono volontari che cedono il loro corpo alla Casa per cinque anni, spesso per scappare a vite al limite dell’autodistruzione, al termine dei quali saranno lasciati liberi, ricchi e senza alcun ricordo del tempo passato nella Dollhouse.
Protagonista è Echo, una giovane attiva, che reagisce in maniera non conforme a questi continui lavaggi di cervello, riuscendo a mantenere una memoria delle sue personalità artificiali. Oltre a lei incontreremo vari altri personaggi, altri attivi, fra cui Sierra e Victor, la direttrice della Casa Adele de Witt, il guardiano di Echo, Boyd, il genio dell’informatica Topher Brinx e l’agente dell FBI Paul Ballard.

La serie tv mi ha incuriosito subito, la trama prometteva davvero bene e il tema fantascientifico mi pareva trattato in maniera originale.

Tutti i protagonisti, in particolare quelli coscienti, per così dire, saranno tormentati per tutto il corso delle puntate da domande di carattere etico e filosofico che danno molto valore al prodotto.
La storia si fa infatti man mano più intrigante, vedere tutti i vari ruoli che assume Echo e come la consapevolezza si faccia strada man mano in lei è veramente affascinante, anche se francamente la protagonista è stata forse quella che ho apprezzato meno, attorialmente parlando. Il ruolo di Echo era infatti difficile, dovendo ad ogni puntata interpretare un diverso personaggio, cosa che a Eliza Dushku, la sua interprete, non riesce benissimo, mantenendo spesso un che di bamboleggiante (che malgrado il tema non ho gradito).
Ho continuato a guardare Dollhouse più interessata alle vicende dei personaggi secondari che non per la storia portante. L’interpretazione di Olivia Williams nei panni di Adelle DeWitt, la dirigente della Casa è veramente eccellente, forse la migliore.

La prima stagione, rispetto alla seconda risulta a parer mio meglio distribuita nella narrazione dei fatti, e si conclude con un episodio bomba che lascia assolutamente la voglia di continuare la visione.

La seconda stagione infatti è molto disomogenea, vedremo varie puntate dal valore quasi insignificante ai fini della trama per arrivare ad un ultimo episodio che è una vera e propria accozzaglia ridondante di informazioni, che avrebbero avuto bisogno di almeno quattro episodi per essere ben spiegate e collegate logicamente, mancando in certi passaggi anche di coerenza.

Avrei preferito che la seconda stagione fosse dedicata a seguire gradualmente il precipitare degli eventi, invece di comprimere tutto nell’ultimo episodio, lasciando molte domande aperte.

Da dire c’è che la produzione ha dovuto superare tantissime difficoltà fra diminuzioni di budget e share basso (inizialmente si erano previste addirittura cinque stagioni).

In conclusione ho molto apprezzato Dollhouse per la trama e per la filosofia che c’è dietro, le storie dei personaggi secondari sonomolto avvincenti, ma non posso considerarla un prodotto completo.

Il voto è dunque un 7, che sarebbe potuto essere molto, molto di più.

-Cat
Voi cosa ne pensate? Lo avete visto? Lo vedrete? Siete d’accordo con quello che pensiamo? Fateci sapere cosa ne pensate nei commenti o con l’hashtag #chiedimicosanepenso
#recensione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...